Silvana Dal Cero

Venesia

  
Original orthography of the author: Modern Unified Orthography:
  
'N'aria de sogno che sfuma i colori
la vita va pian
el core el se slarga
se ferma el respiro e pi' no te se
se l'è solo on sogno
se l'è la realta'.

Me fermo. Sto qi.
No vojo star rento 'na vita caina,
no vojo lasare on sogno a metà.

So l'aqua i gabiani i se lasa portare:
se pasa el tragheto, che male ghe fa?

I oci i se perde vardando S. Giorgio
l'aqua la bagna la strada che fo.
I pie' i sento fridi; tra on po' sarà tardi:
se stemo cusi sarà tuto negà.

No vojo lasarte, Venesia, da sola
no vojo lasare on sogno a metà.

Co ti mi me sento on po' grando on po' toso
in t' on mondo do' el tempo el pare fermà.
E sento 'ntel vento n'aria de riso,
le vose che canta le m'à istrià.

Venesia, finché te resisti
el sogno lo tegno serà in te la man
finché te ghe sì mi poso sperare
che anco' o doman sara' tuto cambià.

E se la giornada la se fa pi' pesante
vegnere a catarte che ben che me fa.

De tuti, Venesia, de tuti te si.
Bisogna lasare in tel mondo on po' cruo
on posto de sogno e de libertà.

A tuti, Venesia, calcosa te dè
e quando che i torna la sera, scunii,
i tien rento i oci on toco de sogno,
i tien tra le man on toco de ti.

N'aria de sogno che sfuma i culuri
la vita va pian
el córe el se slarga
se ferma el respiro e pi no te sè
se l'è solo un sogno
se l'è la realtà

Me fermo. Sto chí.
No vójo star rento na vita caina,
no vójo lasar un sogno a metà.

Su l'aqua i gabiani i se lasa portar:
se pasa el traghéto, che male ghe fa?

I oci i se perde vardando S.Giorgio
l'aqua la bagna la strada che fo.
I pie i sento fridi, tra un po' sarà tardi:
se stémo cusì sarà tuto negà.

No vójo lasarte, Venesia, da sola
no vójo lasar un sogno a metà.

Co ti mi me sento un po' grando un po' tóxo
int' un móndo do' el tenpo el pare fermà.
E sento 'ntel vento n'aria de rixo,
le vóse che canta le m'à istrià.

Venesia, finché te rexisti
el sogno lo tegno sarà inte la man
finché te ghe sì mi poso sperar
che ancó o doman sarà tuto canbià.

E se la giornada la se fa pi pexante
vegner a catarte che ben che me fa

De tuti, Venesia, de tuti te sì.
Bixogna lasar intel móndo un po' cruo
un posto de sogno e de libartà.

A tuti, Venesia, calcosa de dè
e quando che i tórna la sera, scunìi,
i tien rento i oci un toco de sogno,
i tien tra le man un toco de ti.



Venetan Texts Main Page
Venetan Language Main Page

Modern Romance Languages Main Page
Orbis Latinus Main Page

This page is part of Orbis Latinus
© Zdravko Batzarov